2021, nuovo Comitato di Pro Natura Ticino © PN Ticino, Andrea Persico

Nella foto il nuovo comitato: da sinistra: Nicola Patocchi, Paola Pronini, Daniel Ponti, Luca Paltrinieri, Pia Giorgetti Franscini, Marzia Mattei, Michela Bazzi, Claudio Valsangiacomo.

Un nuovo presidente per Pro Natura Ticino: Daniel Ponti subentra a Claudio Valsangiacomo, presidente ad interim

21.06.2021

Si è svolta sabato 19 aprile presso il Grotto Camponovo, in prossimità della Casa del Pescatore nella riserva del laghetto di Muzzano, l’Assemblea generale di Pro Natura Ticino. Durante la parte ufficiale, alla presenza di una trentina di soci, l’Assemblea ha accettato all’unanimità la nuova compagine di Comitato e il cambio di Presidenza.

Daniel Ponti riprende le redini della sezione ticinese di Pro Natura Ticino. Avvocato e criminologo, già collaboratore giuridico esterno dell’associazione, guardia della natura, volontario per il Centro protezione chirotteri, presidente dell’Associazione Fondali Puliti del Ceresio; ovvero un grande amante, sostenitore e difensore proattivo della protezione della natura. Oltre al nuovo presidente è stata accolta anche un nuovo membro di Comitato: Pia Giorgetti Franscini, biologa e responsabile del settore di mediazione culturale del Museo cantonale di storia naturale e attiva con passione e entusiasmo da oltre un ventennio, nell'educazione ambientale in Ticino. 

Sono stati confermati i revisori Franco Bertoni e Lavinia Sergi-Indemini (Revifida SA), mentre lasciano il Comitato Marco Zanetti e Damiano Bozzini, con i ringraziamenti del Comitato e dei soci per il lavoro svolto in questi anni. 

Il Presidente ad Interim ha presentato la retrospettiva del 2020 ripercorrendo alcuni dei traguardi più importanti di Pro Natura Ticino e in particolare il festeggiamento per i 60 anni della sezione con l'allestimento e la presentazione della mostra Immaginatura che ha coniugato arte e scienza ed è stata accolta con entusiasmo dal pubblico. Claudio Valsangiacomo ha inoltre illustrato la situazione del Centro Pro Natura del Lucomagno, che per la stagione in corso a causa di diverse difficoltà, offrirà soltanto un'apertura parziale. Pro Natura manterrà senza riserve tutti gli impegni di protezione del comparto e anche un contatto diretto con i visitatori della regione attraverso l’allestimento di un Info Point, così come un'ampia proposta di gite ed attività naturalistiche e culturali. 

Parallelamente il lavoro per il Centro proseguirà con l'allestimento di un piano di finanziamento e la ricerca degli aiuti economici necessari per completare i lavori di miglioria intrapresi. Si tratta per l'associazione di uno degli obbiettivi principali del prossimo biennio. 

In concomitanza con la riunione si è svolta anche la ormai tradizionale escursione dedicata ai soci, che sono stati guidati lungo le rive della riserva del laghetto di Muzzano da Serena Wiederkehr-Britos, nuova direttrice della sede di Pro Natura Ticino dal 01.02 2020 e che ha colto l’occasione per mostrare i lavori di gestione e di valorizzazione in favore della biodiversità nella pregiata riserva. Un’occasione importante per ribadire il valore di questa perla verde adiacente a Lugano, così come del lavoro di tutti i partner che intervengono nella gestione della riserva, in special modo l’Ufficio natura e paesaggio del Dipartimento del Territorio. 

In questo clima di cambiamento, caratterizzato anche da alcune difficoltà, Pro Natura Ticino non ha mancato di rinnovare il suo impegno per la protezione dell'ambiente e la sua determinazione ad agire per la natura ovunque e per l'uomo! 
 

Potrebbe anche interessarti

Col­lab­o­rare

Posti di lavoro, servizio civile o volontariato: molti…

Articolo

Bolle di Magadino

L'area protetta comprende una zona centrale di…

Riserva naturale

Natu­ra in città

Al contrario di quanto si possa magari immaginare,…

Articolo