Ponte diga di Melide - asse nevralgico nord-sud © Andrea Persico

Mobilità

Tutti i mezzi di trasporto meccanici hanno un impatto ambientale più o meno elevato, legato soprattutto al consumo di territorio e di energia e alle emissioni dannose o fastidiose. Pro Natura si occupa soprattutto dell'impatto sugli ambienti naturali ma coopera con le altre associazioni, in particolare l'Associazione traffico e ambiente e il WWF che affrontano altri aspetti del traffico.

Strade:

  • Pro Natura ha partecipato alla campagna di voto sul controprogetto "Avanti", fortunatamente rigettato nella votazione federale dell'8 febbraio 2004.
  • Pro Natura si oppone al collegamento stradale Stabio-Gaggiolo.
  • Pro Natura si è opposta alla bretella stradale tra Ligornetto e Besazio, respinta in voto popolare il 14 settembre 2003 e che avrebbe gravemente danneggiato una zona naturale protetta.
  • Pro Natura partecipa assieme a tutte le altre associazioni ambientaliste nella lotta contro lo sventramento del Piano di Magadino attraverso la nuova superstrada di collegamento tra la A2 e la A13, variante 95.

Ferrovie:

Pro Natura fa parte del gruppo che riunisce tutte le principali associazioni ambientaliste svizzere e ticinesi che si occupano del territorio e che segue in modo coordinato i progetti di AlpTransit. Per affrontare l'impatto ambientale della costruzione della nuova opera si svolgono regolarmente incontri tra i progettisti e le associazioni.

Potrebbe anche interessarti

Lavoro politi­co

Il lavoro politico è uno dei pilastri fondamentali…

Articolo

Natu­ra in città

Al contrario di quanto si possa magari immaginare,…

Articolo

Acqua ai nos­tri fiumi!

Da oltre 20 anni Pro Natura è impegnata a ridar vita…

Articolo