La foce del Ticino senza estrazione di inerti

La foce del Ticino rinaturata

Rinaturazione dei corsi d'acqua

Acqua ai nostri fiumi!

Da oltre 15 anni Pro Natura è impegnata a ridar vita ai nostri fiumi ai quali lo sfruttamento idroelettrico toglie troppa acqua (vedi Rivista del 2017 "Senz'acqua" e presa di posizione sul risanamento dei deflussi minimi) e la restituisce in modo irregolare (vedi rivista del 2005 sui deflussi massimi e seconda immagine di confronto qui sotto). Questi influssi scombussolano gli ecosistemi acquatici. Delle 54 specie di pesci della fauna ittica originaria in Svizzera, 8 sono scomparse e altre 34 rischiano la stessa sorte tra cui il temolo, l'animale dell'anno 2007 di Pro Natura. Temoli e trote soffrono oggi particolarmente del surriscaldamento delle acque, dovuto ai deflussi insufficienti e al clima che cambia, e subiscono pure le conseguenze dell'assottigliamento della propria base alimentare (larve di insetti) e della a correzione dei fiumi. Pro Natura Ticino ha giocato un ruolo determinante per evitare progetti idroelettrici devastanti (sulla Verzasca a Brione; progetto bocciato dal Tribunale federale nel 2012) e in Val d'Ambra (progetto abbandonato anche se non ancora ufficialmente). A dispetto di uno sfruttamento eccessivo dei nostri fiumi i loro ambienti alluvionali ospitano sull'1% soltanto del territorio ben metà della flora e della fauna indigena (vedi rivista del 2009 sulle golene). Pro Natura affronta anche i temi più profondi del nostro rapporto con l'acqua e sensibilizza i giovani tramite escursioni sui fiumi, supporti didattici o le attività sui fiumi del programma Animatura. Sosteniamo inoltre la produzione e il consumo di energie rinnovabili ed ecologiche

Rinaturazioni di successo: la foce del Ticino

Foce del Ticino senza silos © Andrea Persico
Silos alla foce del Ticino © Andrea Persico
Foce del Ticino prima (con silos) e dopo gli interventi di rinaturazione

Influsso del turbinaggio sui deflussi

Il Ticino con le centrali che turbinano
Il Ticino in fase di magra: le centrali non turbinano
Foto scattate l'8 maggio 2007 tra Castione e Claro. Prima foto ore 9.30 circa, foto della piena ore 14.30 circa. Il rapporto tra la portata minima e massima è qui mitigato dal tragitto che l'acqua compie ma in altri punti del Ticino può essere di 1 a 50!

Potrebbe anche interessarti

Lavoro politi­co

Il lavoro politico è uno dei pilastri fondamentali…

Articolo

Oppo­sizioni e ricorsi

Al pari di altre associazioni, Pro Natura è abilitata…

Articolo

Acqua ai nos­tri fiumi!

Da oltre 20 anni Pro Natura è impegnata a ridar vita…

Articolo